Sfera Ebbasta e il prototipo dell’adolescenza malata

Sfera Ebbasta è il prototipo di una adolescenza malata.

Ho visto alcune sue interviste e alcuni suoi interventi rispetto al suo essere il Dio della musica italiana e ai comportamenti a rischio.

Sconcertato dai ragazzini che erigono a perfezione ed imitano una rappresentazione di tossicodipendenza e fruizione del sesso non sicuro, che a sua insaputa può uccidere sé stessi e gli altri.

Sì perché le cose devono essere chiamate per come sono senza tanti giri di parole. Quello che fa trapelare la tv e che arriva al cervello dei vostri figli è che il successo è ottenibile facilmente con droga, sesso non protetto e licenza media.

Colpa di una società liquida ed ignorante che rispecchia anche una classe politica del non-studio e del non-sacrificio.

La plasticità neuronale adolescenziale è altamente malleabile e condizionabile dalla tv e dalle stelle narcisistiche televisive. Si gettano così le basi, anche grazie all’imitazione dei comportamenti a rischio, per i disturbi mentali.

Nel mio studio ho visto bambini dipendenti da sostanze alla tenera età di 13 anni, ho visto adulti malati di Hiv ed Epatite, ho sentito di ragazzi antisociali e violenti picchiare i propri genitori per futili motivi, la mia pelle ha assorbito racconti suicidari, ho visto la morte dell’anima che spesso corrisponde anche alla morte del corpo. Sfera Ebbasta è un prototipo esplosivo di tutto questo. L’imitazione giovanile punta a quella immagine distorta, pericolosa ed idealizzata di un falso Dio del rap.

Ma ricordatevi, l’idealizzazione esalta il “bello” nascondendo e negando il brutto, il peggio, il rischio, la morte.

 

 

 

IMMAGINE

Concerto, immagine generica, fonte web.

LEANO CETRULLO
Psicologo clinico perfezionato in Criminologia e Sessuologia. Membro della British Psychological Society, membro della American Psychological Association (APA) e membro della UK Psychological Trauma Society. Autore su Medicitalia.it e Quotidianosanita.it Per contatti: Tel. 3914541341 Mail.: L.cetrullo@gmail.com
Articolo creato 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto