Azuma Makoto. Una storia botanica

 

Diretto dall’artista giapponese Azuma Makoto,

con i disegni dell’illustratrice britannica Katie Scott, Story of Flowers è un cortometraggio poetico, la cui sceneggiatura segue il ciclo di vita dei fiori.

L’artista si rifà alla tradizione dell’illustrazione botanica, da qui la collaborazione con la Scott. Il genere artistico è citato nel riferimento al dettaglio, nella descrizione precisa delle specie botaniche, seppur trasfigurate nell’elemento disegno-per-animazione.

In quanto giapponese, Makoto è custode di un rapporto antico, ancestrale, profondo e persino spirituale con la natura.

Nella cultura del Giappone, si afferma non tanto l’idea unificatrice di Natura, ovvero dal particolare all’universale, quanto la fioritura autonoma, il sommarsi di essenze, il movimento che va dall’universale al particolare e fa gemmare i singoli elementi della natura in infinite e minute vite proprie, spesso trasfigurate in vere e proprie creature o case per creature – gli spiriti a guardia dei fori, delle piante, della pioggia -.

Nel cortometraggio si ritrova un accenno a un tema ricorrente di Azuma Makoto: la grazia dell’invisibile.

Che si traduce nell’esplorazione della radice. Makoto è noto per le sue installazioni floreali, in cui si serve dei fiori vivi come materia prima per l’opera d’arte. Le composizioni, assemblate e fotografate, esplorano sia la bellezza della parte emersa dei fiori, sia, con le radici esposte, quella della parte sommersa, invisibile.

 

 

 

IMMAGINE

Story of Flowers, Azuma Makoto, 2017; gallery.  Illustrazioni di Katie Scott.

 

VITA NOVA
Pensosa dell'andar. Arte, libri e osservazioni sparse.
Articolo creato 14

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto