La tratta africana contemporanea

Un uomo travasato in Alfa, condizionato in Alfa, diventerebbe pazzo se dovesse fare il lavoro di un Epsilon semiabortito[…]. Soltanto da un Epsilon ci si può attendere che faccia dei sacrifici da Epsilon, per la buona ragione che per lui non ci sono sacrifici: sono la linea di minor resistenza.

Il suo condizionamento ha posato dei binari lungo i quali deve marciare. Non può impedirselo; vi è fatalmente predestinato. Anche dopo il travasamento egli continua a trovarsi nell’interno di una bottiglia, un’invisibile bottiglia di fissazioni infantili ed embrionarie»

(A.Huxley, Brave New World)

 

La tratta

Nel servizio di Report, Un mare di ipocrisia, andato in onda su RAI3,
il 20 novembre del 2017, sono filmati i momenti in cui alcuni operatori umanitari, tolti i giubbotti di salvataggio alle persone spostate dai gommoni alla loro barca, li riconsegnano agli scafisti.
Il servizio spiega che i giubbotti sono forniti in cambio di denaro e vengono restituiti per poter essere riaffittati ai gruppi successivi.
 
Quella dall’Africa, è una tratta.
Gestita ed utilizzata a scopi politici ed economici.

Schiavi per la campagna

Hanno fatto scalpore le parole di Emiliano, il cui senso si può riassumere in: “Non parlate contro i migranti, chi li raccoglie poi i pomodori a Foggia?“.  VIDEO

Emma Bonino conferma il concetto, “Senza migranti nessuno raccoglierebbe pomodori” (fonte) e minaccia, Senza migranti, 68 mila insegnanti a casa” (fonte).

La soluzione finale

Replacement Migration – Report Onu Italy
Nei discorsi della Bonino emerge l’aspetto ideologico: immigrazione connessa a demografia.  
“Sul pianeta siamo troppi, con una esplosione demografica a pochi chilometri, perché fare figli quando possiamo TRAVASARLI dall’Africa”?  (VIDEO, 0.59).

Anche per l’ONU se  “I Paesi più ricchi fanno pochi figli, la soluzione è la sostituzione della popolazione con flussi costanti”.

Replacement Migration: Is It a Solution to Declining and Ageing Populations?

 

L’origine della crisi demografica

Politiche di denatalità, modificazioni nella percezione della sessualità e influenza sulle abitudini sessuali, esaltazione della singletudine e individualismo sociale.
Attacco alla famiglia, politiche economiche volte a togliere indipendenza economica alla generazione tra i 20 e i 35 anni. 

Abolizione dell’articolo 18, distruzione dei comparti dello Stato.

E chi più ne ha, più ne metta.

Di fatto, la Bonino ammette che la politica italiana ha realizzato una sorta di GENOCIDIO – perché non utilizzare questo termine, se si impedisce programmaticamente che una popolazione cresca? – ai danni della popolazione e fa emergere l’uso dell’immigrazione come elemento di RIPOPOLAMENTO.

Prezzo del lavoro e conflitto sociale

La Replacement Migration è a sua volta una giustificazione della necessità del grande capitale internazionale, di ridisegnare i rapporti nel mercato del lavoro, abbassare il prezzo del lavoro e re-inserire conflitto costante nelle classi sociali più basse.

Le “Sinistre progressiste” vivono governando conflitto

IMMAGINE

Marina Militare Italiana

LETTURE

Storia della schiavitù in Africa, Paul E.Lovejoy. Con introduzione di Mariano Pavanello, Bompiani ed..

Inferno SPA, Francesca Totolo, Altaforte ed.

 

 

 

 

VITA NOVA
Pensosa dell'andar. Arte, libri e osservazioni sparse.
Articolo creato 19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto