Il tempo dell’Appennino. Giovanni Lindo Ferretti e Franco Arminio

Erano i CCCP , il più importante – in termini d’arte – progetto musicale italiano nel genere punk/rock. Vedeva coinvolti musicisti come Zamboni, Maroccolo e l’autore e cantante Giovanni Lindo Ferretti.

Diventarono CSI – Consorzio Suonatori Indipendenti – prima e PGR poi – Per Grazia Ricevuta -. Il gruppo si sciolse. Ferretti fu protagonista di una eclatante conversione.

Dal punk rock,dalle esperienze nella scena berlinese e dall’appartenenza radicata al panorama dell’estrema sinistra, a un ritorno alle radici e al Cattolicesimo.

Ma ogni conversione è piuttosto un ritorno alle origini.

Così, le origini erano da sempre ispirazione del lavoro di Ferretti: l’epica, la terra-legame spirituale, il gruppo umano come catena di appartenenza e di discendenza, la narrazione come intuizione pre-logica – e dunque misteriosa e quindi poetica –, la parola come canto.

Il mondo antico – anche se elettrificato -.

Dall’altro lato, Franco Arminio. Maestro di scuola elementare e poeta lucano, che vive e lavora ad Aliano, piccolo paese che guarda ai calanchi, protagonista delle vicende di Carlo Levi – cui è dedicato un Parco Letterario-. .

Ne L’Italia profonda. Dialoghi dagli Appennini, edito da GOG edizioni, le voci dei due autori si incontrano, a tentare di descrivere l’importanza dell’entroterra e della dimensione del paese.

In Arminio la visione è sociale, politica – forse anche politicizzata -, si centra sull’abbandono e sulla necessità della rinascita, sulla ricerca di una cura. Arminio riconosce al paese il senso sospeso della storia.

In Ferretti, invece, l’Appennino si fa simbolo di pre-storia.

Traccia tangibile delle epoche “barbariche” e di un Medioevo idealizzato, dove “barbaro” e “cristiano” collimano e coincidono e dove “barbarico” è inteso come “puro“, “indomito“, “vitale“.

Ferretti evoca vite di comunità non plasmate e deteriorate da un potere burocratizzato, tirannico, appiattente in cui si identifica la modernità.

Se ancora una salvezza – storica e spirituale – abita nel nostro Paese, i due autori la intravedono proprio nelle pieghe montane, nelle architetture raccolte e immerse nel tempo dell’Appennino, tra le anime di montagna.

IMMAGINE

Borgo in abbandono, Basilicata.

LINK

L’Italia profonda. Dialoghi dagli Appennini – Giovanni Lindo Ferretti, Franco Arminio ed. GOG

VITA NOVA
Pensosa dell'andar. Arte, libri e osservazioni sparse.
Articolo creato 29

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto